Sms Affari - Tutto sugli Sms e Cellulari
2017-27-07 02:48:03
in Italia nel mondo 

LOGHI
SUONERIE
Sms Animati
Domande Frequenti
Area WebMaster
Servizi per le Aziende
Gli speciali
Notizie


Cell:
Pass:
 






Utenti iscritti 1711768



Consigli per gli acquisti
Utilizzo dei telefonini
Roaming
Glossario

Bluetooth
WAP
GPRS
UMTS


Quale gestore?
Tim
Omnitel
Wind


RICERCHE CONSIGLIATE
sms
motorola UMTS
Nokia
sms internet
invia sms free
Modelli cellulari Nokia
Modelli Nokia
Cellulari Nokia
Cellulari siemens
Siemens sms



SMS Affari > Quale gestore?


Un aiuto alla scelta del Gestore

I gestori di telefonia mobile sono degli abili prestigiatori. Il loro fine è guadagnare, quello degli utenti è risparmiare. In questa inconciliabile dialettica, a spuntarla sono purtroppo i gestori che, attraverso un linguaggio "tecnico" fatto di "sotterfugi ed espedienti", riesce spesso ad "abbindolare" l'utente impreparato.

Ciò che vi proponiamo è una sintesi delle voci che consigliamo di prendere in considerazione al momento della scelta di un gestore. Tale guida è un prezioso "vademecum" per il principiante, un utile ripasso per l'utente esperto.

I principi generali

  1. Il primo passo consiste nel procurarsi tutta la documentazione disponibile sulle offerte di tutti i gestori (attualmente 4). Tale documentazione è reperibile sia presso i punti vendita, sia presso i siti ufficiali. Dopo averla studiata con cura, consigliamo una lettura presso i siti specializzati sulla telefonia mobile, tra cui il nostro. Qui infatti, oltre alla descrizione delle singole offerte, potrete trovare anche confronti, paragoni e pareri sulle offerte della concorrenza

  2. La scelta dello standard è oggi abbastanza scontata: il TACS, il sistema di prima generazione, è stato superato dal più moderno GSM, di gran lunga più affidabile (ci riferiamo al problema della clonazione). Alcuni gestori sfruttano la rete GSM Dual Band, ovvero la trasmissione avviene a 1800 Mhz e/o 900 Mhz. La qualità dell'audio è migliore, anche se questo va a discapito della durata della batteria del cellulare. Se il gestore supporta solo 1 delle 2 frequenze (ad esempio i 1800 Mhz), verificate che il cellulare che intendete acquistare sia compatibile (oggigiorno quasi tutti). Il TACS lo sconsigliamo vivamente, piuttosto occorre tenere le orecchie tese per i nuovi standard nascenti. Il GPRS dovrebbe fare la sua comparsa per la fine dell'anno: si tratta di un'evoluzione del sistema GSM, utile soprattutto per navigare su internet col solo cellulare. Dal 1 Gennaio 2002 assisteremo alla nascita dell'UMTS, ovvero un nuovo standard che andrà ad accompagnare (e lentamente a sostituire) quelli attualmente esistenti, rivoluzionando il concetto di "comunicazione mobile". Le licenze per il nuovo standard verranno assegnate a 5 gestori

  3. Considerate la rete di copertura disponibile nella vostra zona. Sebbene i gestori offrano una copertura quasi totale del territorio attraverso la rete propria o usufruendo della rete altrui, potrebbe capitare che nel vostro appartamento o nel vostro ufficio non "vi sia campo", ovvero il segnale giunga troppo debolmente. L'ideale è poter confrontare il segnale inserendo a turno nello stesso telefono cellulare le sim card dei diversi gestori, chiedendole in prestito ad amici e parenti

  4. L'assistenza offerta dai diversi gestori riveste un'importanza maggiore di quello che si pensi. Molti utenti di Wind, ad esempio, sono rimasti delusi dal servizio di assistenza telefonica, Call Center, perennemente intasato con attese di ore. I Call Center sono indispensabili per reperire informazioni tecniche particolareggiate (es.: come disattivare la segreteria), per risolvere problemi (es.: impossibilità ad inviare i "messaggini" o SMS), per essere aggiornati sulle ultime novità (es.: promozioni in corso). Inoltre i punti vendita spesso sono gestiti da semplici commercianti con una preparazione approssimativa che non sapranno rispondere a tutte le vostre domande. Solo i Call Center vi daranno delle risposte precise e sicure

  5. Il tipo di contratto che stipulate (abbonamento o prepagato) vi porterà a dover scegliere tra offerte diverse. L'abbonamento può (non necessariamente) presentare delle tariffe più vantaggiose, ma ha 2 difetti: un canone mensile statale di £ 10.000 (al quale si può aggiungere il canone richiesto dal gestore) e seccature per la disdetta. Tali punti verranno trattati separatamente alla voce Gli espedienti dei gestori. Una volta scelto un tipo di contratto, il passaggio ad un altro tipo potrebbe (quasi sempre) risultare inattuabile. La prepagata (dipende dal gestore) può invece presentare l'inconveniente del costo fisso di ricarica. Con la prepagata, inoltre, il traffico si paga anticipatamente, con l'abbonamento posticipatamente (ogni 2 mesi). Infine con l'abbonamento non rischierete mai di rimanere senza linea, conseguenza inevitabile per le ricaricabili nel caso di esaurimento (imprevisto) del credito disponibile

  6. Le promozioni in corso possono rendere un gestore particolarmente appetibile in quel particolare momento, ma considerate che nel periodo d'uso con la vostra scheda nuova amici, parenti e colleghi memorizzeranno nelle loro rubriche il vostro numero di cellulare. In futuro, se vorrete passare ad un altro gestore (perché più conveniente per le vostre esigenze), dovrete fornire il vostro nuovo numero a quelli che vi conoscono, operazione questa alquanto seccante per voi e per gli altri. Allo stato attuale, infatti, non è prevista la possibilità di cambiare gestore mantenendo il proprio numero di cellulare


Gli espedienti dei gestori
  1. Attenzione, non tutti i gestori riportano i prezzi comprensivi d'IVA (attualmente il 20%). Nelle pubblicità le loro tariffe appaiono "snellite" del 20% rispetto a quelle realmente applicate. Occhio dunque alle note in calce !

  2. Lo scatto alla risposta è la vera bestia nera delle telefonate. Si tratta di una somma (attualmente si aggira sulle 300 £) che certe tariffe di qualche gestore prevedono per ogni telefonata solo perché il destinatario della chiamata ha risposto. Una somma elevatissima, che in molti casi supera addirittura la tariffa dovuta per un intero minuto di conversazione (es.: se la vostra tariffa è di £ 95 + iva al minuto con tariffazione a secondo, un minuto con lo scatto alla risposta vi costerà £ 414 tutto incluso [ £ 414 = £ 300 + £ 95 + 20% di £ 95 ] e non solo 95 come si potrebbe semplicisticamente concludere). Inoltre, a causa di inefficienze (volute ?) della rete di copertura o ad altri motivi (esaurimento batteria), la telefonata può essere interrotta (succede sovente). In tal caso, quando si richiamerà si pagherà un nuovo scatto alla risposta

  3. La tariffazione a scatti è un altro detestato espediente scelto da alcuni gestori per far lievitare i costi della telefonata. 10 secondi possono costare quanto 100 secondi e più. Si paga infatti per intero uno scatto (somma che varia dalle 200 £ alle 300 £) a partire dal 1° secondo utile di conversazione. Terminato il periodo di validità dello scatto, basterà un solo secondo di conversazione per pagare un nuovo scatto
    L'alternativa alla tariffazione a scatti è la tariffazione a secondi, che rispecchia il reale "traffico voce" effettuato
    Riprendiamo l'esempio di prima e mostriamo quanto sia "catastrofico" la tariffazione a scatti, unita allo scatto alla risposta, nel caso la vostra tariffa sia di £ 95 al minuto. Ebbene 10 soli secondi di conversazione vi costano ben 500 o 600 £ (dipende dal valore dello scatto, rispettivamente di £ 200 o 300) !

  4. Il costo fisso di ricarica è una sovrattassa applicabile o meno dal gestore che si paga al momento della ricarica, nel caso abbiate scelto un prepagato (attualmente è di £ 10.000). Quindi se decidete di ricaricare la vostra scheda con £ 50.000, spenderete £ 60.000 (in questo caso il 20% in più)

  5. Il canone è una tassa mensile che si paga nel caso si sia scelto un abbonamento piuttosto che un prepagato. Tale tassa è composta di 2 voci, la prima fissa di £ 10.000 richieste e intascate dal nostro stato, la seconda è a discrezione del gestore (può essere anche nulla). Inoltre, e questo è davvero inammissibile, occorre pagare una mensilità in più (quale "cauzione") che verrà restituita solo alla disdetta del contratto. La disdetta è più laboriosa di quanto si pensi. Occorre inviare una raccomandata con ricevuta di ritorno al gestore e entro 30 giorni dal momento della ricezione (non da quello dell'invio - fa fede la data sulla ricevuta - !) avverrà la disdetta. Durante quel mese il canone si dovrà versare ugualmente, inoltre spesso i gestori fanno "orecchie da mercante" e tardano a disdire i contratti

  6. La segreteria telefonica attivatela solo se la ritenete realmente utile: questo servizio, abilitato di default (automaticamente) al momento della sottoscrizione del contratto, presenta un doppio costo. Paga chi chiama, per lasciarvi un messaggio e pagate voi, per ascoltare i messaggi. La segreteria telefonica è spesso sostituita dagli SMS: se l'utente dovesse risultare irraggiungibile, basterà inviargli un SMS, dal costo decisamente inferiore. L' SMS apparirà sul cellulare dell'utente appena questi lo accenderà

  7. Gli SMS, i brevi messaggi di testo inviabili da cellulare, finiranno per coinvolgervi ed appassionarvi. Considerate il loro costo al momento della scelta. Alcuni cellulari prevedono la richiesta di una ricevuta di ritorno, ovvero un SMS che giungerà al mittente dando conferma dell'avvenuta ricezione sul cellulare del destinatario. Tale servizio è offerto a pagamento, finendo per raddoppiare il costo per l'invio di 1 SMS. Inoltre le società offrono servizi avanzati aggiuntivi (borsa, sport, economia) che consentono di essere informati via SMS sugli argomenti di nostro interesse. Anche questi SMS che ci giungono sono a pagamento ! Esistono tuttavia alcuni siti che offrono informazioni via SMS gratuitamente, di qualità a volte superiore rispetto a quella offerta dai gestori.

  8. Le promozioni sono un'arma a doppio taglio: possono spingervi al contratto presentando condizioni vantaggiose per un determinato periodo (una stagione, un anno), ma considerate che, a meno di proroghe (frequenti, a quanto pare), esse prima o poi sono destinate a terminare. Studiando la cronistoria di alcuni gestori, potrete notare inoltre che in alcuni periodi critici dell'anno essi offrono puntualmente promozioni molto vantaggiose. Se usate il cellulare principalmente in quei periodi (in vacanza, ad esempio, per comunicare con parenti, amici o colleghi), potreste decidere di "scommettere" su quel gestore, prevedendo forti sconti proprio quando serve a voi

SMS Affari > Quale gestore?





Invia SMS GRATIS!!!



 

 
Chi siamo | Guadagna con SMS Affari | Invia SMS gratis | Chat | Umorismo | Scrivici
  SMS Affari © 2002 Powered by COM.T.A sagl
Smsaffari ORG   Smsaffari INFO   Secretphone_Annunci   Smsaffari COM   Webmarketing   Area702  
Vacanze.smsaffari.it   Shopping.smsaffari.it   Cucina.smsaffari.it   Viaggi.smsaffari.it   Musica.smsaffari.it Giochi.smsaffari.it   sport.smsaffari.it